Bel video su PBI

Segnalo un bel video su Peace Brigades International:

Annunci
Published in: on 14 dicembre 2010 at 05:26  Lascia un commento  
Tags: , , ,

WTF ?!

Tra i lettori di questo blog.. (cliccare per ingrandire)

Published in: on 5 dicembre 2010 at 06:33  Lascia un commento  

Con gli occhi di uno straniero

Buon pomeriggio a tutti,

è ormai parecchio tempo che non mi prendo la briga di scrivere su questo blog. Nell’ultimo periodo sono stato occupato ovviamente a riprendere contatto con la mia terra, amici e famiglia, con sorprese sia positive che negative.

Mentre ancora recupero un italiano stentato che a tratti si fonde con i costrutti più frequenti della lingua spagnola, posso raccontarvi che tra le impressioni positive ci sono sicuramente i cambiamenti in terra pugliese, che è stata capace di rieleggere per la seconda volta sindaco e presidente della regione di sinistra. Come saprete non sono particolarmente affezionato al colore delle bandiere, e valuterei questo fatto come irrisorio se non guardassi alle statistiche che celebrano la Puglia come il principale produttore in Italia di energia fotovoltaica.

Mi compiaccio anche per il progetto dei Bollenti Spiriti che seppur integrando la logica economicista (masters, micro-imprenditoria giovanile, ecc.) riesce a premiare “i ragazzi migliori” e a creare un mulinello positivo di speranze, risorse, riconoscimento ed energie nella nostra terra. Disgraziatamente viviamo in un sistema (quello capitalista) che elegge a legge di sopravvivenza quella del profitto, che premia l’incuria verso l’ambiente e sputa in faccia all’altruismo, al fare le cose per il piacere di farle e non per guadagnarci, alla passione e alla solidarietà. Il sistema capitalista ti trasforma, ti snatura, ti strappa dalla naturale semplicità di quand’eri bambino e guardavi il mondo con occhi diversi, meravigliandoti degli sprechi e corrugando le sopracciglia di fronte alla povertà, per ficcarti con le buone o con la forza nel mondo fatto di carriera, vendite, soldi, profitti, potere, successo, dominio e sopraffazione.
Il sistema capitalista sputa in faccia a chi vuole un mondo migliore e premia i saccheggiatori, i ladri e gli stupratori della dignità altrui.

Dopo questa breve digressione, che è servita a spiegare il contesto, non posso che apprezzare un progetto (i Bollenti Spiriti appunto) che parte da un’istituzione e cerca come un secchiello di svuotare il mare. Un secchione in realtà, visto che si tratta di milioni di euro che hanno fatto partire centinaia di progetti e dato un giusto riconoscimento ai “ragazzi migliori”, quelli che ancora pensano che il senso della vita non sia guadagnare fette di mercato ma fare un’attività di cui possa beneficiare la popolazione.

Un altro segno positivo è l’estensione delle piste ciclabili, che alla piena copertura di viale Unità d’Italia aggiunge tutto il perimetro del Parco 2 Giugno (si tratta della 9a pista ciclabile a Bari negli ultimi 5 anni).

Se i segnali positivi giungono dal livello regionale, quelli negativi appartengono tutti al livello nazionale, con le incomprensibili speranze che tante persone stanno affidando a Fini; la violenza verbale di Emilio Fede; l’assoluta normalità con cui Minzolini, direttore del tg1, difende con la propria faccia l’operato del governo; l’aumento delle “necro-novelas”, cioè la strumentalizzazione degli omicidi familiari per distrarre la gente; l’incompetenza con cui vengono trattate materie come il nucleare e l’ecomafia; lo smantellamento dell’istruzione pubblica sotto lo sguardo vagamente indifferente del grande pubblico.

In realtà questi sono pochi dei tanti segnali che mi fanno capire che l’era di Berlusconi è ormai agli sgoccioli, ma non si vedono all’orizzonte prospettive migliori perché non si è ancora sconfitto il vero male del paese: il berlusconismo. Abbagliati quelli che guardano con sospiro di sollievo ad un governo Fini, che blatera di legalità mentre in realtà tutte le leggi-porcata del governo Berlusconi le ha votate lui, dalla Cirami alla Bossi-Fini, dal lodo Alfano al sedere a tavola col governo amico di Dell’Utri, Mangano, Craxi e tanti altri senza farlo mai cadere, sapendo tutto e nonostante questo arrivando persino a fondere i due partiti (AN e FI).
Illusi quelli che accendono un cero ai piedi di Vendola, perché l’ultima cosa di cui abbiamo veramente bisogno, noi italiani distratti e sintonizzati sulle reti Mediaset, ingozzati da una cultura maschilista e sessuofobica, abituati alla corruzione e sopruso nel parlamento come nel luogo di lavoro, incatenati come pecore o schiavi da poteri paralleli non democratici, incazzati col sistema ma fondamentalmente ignoranti, è delegare il compimento delle nostre speranze ad un leader.

La vera risposta sta nell’organizzazione popolare, un concetto assolutamente alieno ad un popolo che si diletta a criticare, a parlare, a chiacchierare, a riempire i blog e facebook di presunta rabbia ed indignazione, ma che nel complesso non è stato capace di impedire che succedesse tutto questo. L’inerzia, la pigrizia, la mancanza di senso pratico e civico, la delizia del criticare il gruppo affine e frantumare tutto in un misero battibecco mentre “loro“, dall’altra parte, i porci, culo e camicia, fanno bottino del paese.
Noi, seguaci della “rivoluzione perfetta”, diasporati da sottili sofismi ideologici, finiamo chini, domati o addomesticati da una massa informe, un vomito multi-partisan che mette insieme la mafia con la Chiesa, i razzisti con gli imprenditori, la massoneria ed i fascisti.

Ma insomma, dove sono finiti quelli che le cose, in questo paese, le vogliono cambiare davvero??

Published in: on 28 novembre 2010 at 10:38  Comments (1)  
Tags: , , , , , , ,

Sei Giorni

Sei giorni al ritorno in Italia, sei giorni al ritorno al mio vecchio mondo, al mio vecchio paese.

Sei giorni ad un salto nel vuoto, ad una nuova esperienza, o meglio tante.

Un saluto al Guatemala, terra di sangue e d’amore; un buongiorno all’Italia, vecchia e conosciuta ed oggi ancora più in ginocchio.

Sei giorni.

Solo sei giorni.

Published in: on 8 ottobre 2010 at 19:17  Lascia un commento  

zend VS symfony

Published in: on 26 settembre 2010 at 17:49  Lascia un commento  
Tags: , , ,

barlume delle 20.47

l’osservazione, la conoscenza che deriva dall’immobilità..

la sensibilità, la conoscenza che viene con la relazione.

Published in: on 25 settembre 2010 at 22:47  Comments (1)  
Tags:

quando tagliano gli alberi..

Le foto di una frana avvenuta pochi giorni fa nella regione orientale del Guatemala.  Si tratta di una montagna colpita dalla mano dell’uomo negli ultimi anni (deforestazione): le chiome degli alberi non proteggono più dall’erosione e le radici non trattengono più la terra. 😦

(come sempre cliccare per ingrandire)

Published in: on 4 settembre 2010 at 00:05  Comments (1)  

a pochi giorni dal ritorno..

già! il periodo da volontario con Peace Brigades è quasi terminato.. rimangono 10 giorni di lavoro ed una manciata di vacanze.. e poi?

poi saluterò le amicizie e gli affetti per fare un salto nel vuoto, uno dei tanti (in fondo!), ma non so perché mi spaventa un po’.. sarà il ritorno nella mia città natale, sarà che adesso si inizia a fare sul serio, sarà una serie di coincidenze però mi sento adesso di fronte ad un punto di svolta.

Published in: on 3 settembre 2010 at 23:51  Lascia un commento  

una è bio, l’altra no..

°_°

sapresti riconoscerla?

· ◊ ·

che futuro scegliamo per il nostro pianeta? e per la nostra panza?

Published in: on 28 agosto 2010 at 16:39  Lascia un commento  

101 idee per cambiare il mondo

AGGIORNATO! v. in fondo!

Un semplice prontuario

A chi non è mai capitato di aver costituito una solida organizzazione, avere una certa quantità di persone ben determinate a fare di questo mondo un mondo migliore, una sede per riunirsi, solide risorse economiche, e poi fermarsi di fronte alla domanda “che possiamo fare?!”

Questo “prontuario” fornisce una piccola serie di spunti positivi per chi è “a corto di idee”

1. Fare teatro politico nelle strade e nelle piazze con le tecniche del teatro dell’oppresso.

2. Tradurre in inglese gli editoriali di Minzolini al tg1 e aggiungere i sottotitoli ai video in youtube.

3. Costituire una “scuola del tutto” in un quartiere disagiato e mettersi a disposizione dei ragazzi che vogliono apprendere spontaneamente ciò che più gli interessa.

4. Fondare un’ “impresa etica” con cui finanziare le attività della tua associazione. Potrebbe essere una mensa vegan a 200 mt da un’università, una cooperativa di installazione di pannelli fotovoltaici e termici, o una fattoria che produce e vende verdure biologiche.

5. Fornire alla suddetta fattoria un accesso comodo al mercato attraverso un GAS.

6. Creare dei gruppi di studio su tematiche politiche ed ecologiche e agire un po’ come un think tank che cerca di influenzare le decisioni amministrative delle istituzioni.

7. Fare un’indagine di recupero della memoria storica e della vita di una città intervistando persone di distinte generazioni, poi elaborare i contenuti in un libro o un film.

(altro…)

Published in: on 31 luglio 2010 at 01:58  Lascia un commento  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: