non c’è stato al mondo che non proibisca la tortura

rieccomi nella gabbia, di nuovo qui dentro, non so quando mi prenderai di nuovo, non so cosa vuoi da me.. ma cosa ti ho fatto?? non so perchè sono qui dentro, mi fa solo un sacco di male. lecco le mie ferite, sento il sapore del sangue. e poi ho paura. mi hai lasciato qui dentro e te ne sei andato. sento il cuore che palpita ogni volta che ti avvicini. quelli che stanno qui accanto, che come me sono rinchiusi nelle gabbie gridano, quando entri nella stanza; spero che non tocchi di nuovo a me, perchè fa male. non so cosa mi vuoi fare, e non so perchè lo fai, ma so che ogni volta che mi porti fuori da questa gabbia fa un dolore pazzesco. e allora un po’ sono affezionato a questa gabbia, perchè almeno qui sono al sicuro. mi lecco le mie ferite e cerco di trovare un po’ di pace. quando arriverà la mia pace? come faccio a far finire tutto questo? come faccio a..
.. diamine! ci dev’essere un’uscita. è da quando mi hanno messo qui dentro che la cerco e non la trovo. avanti e dietro in questa gabbia, mi sembra di impazzire! mi sento di impazzire! tra il dolore infernale giorno e notte, le irritazioni, il pus, e questi pochi centimetri quadrati in cui mi hai messo, uomo col camice bianco. ma che ti ho fatto? quando la smetterai? mi mangerai? e allora fallo! però subito! allontanami da questo supplizio perchè io qui dentro mi sento di impazzire!!

ecco. sei entrato un’altra volta. ti avvicini.. fa che no, fa che no, fa che nooooo… NOOOO!!!! lasciami lasciami lasciami! di nuovo a me NOOO!! no ti prego no! ti prego no! lasciami! nooo!! lo so che fa male ti prego lasciami!!
cos’è questo?! …. cosa mi verserai sulle mie ferite? ehi dico a te, c’è qualcuno lì dentro?!

AAAAAAAAAAAAA!!!!!! no no basta!! no!! AAAAAAAAAAAAAA! basta ti prego. no no no. no, basta, ti prego basta! non ce la faccio più! fa male! AAA!!
perchè?! … … … perchè?!

è finita finalmente. ora prendimi, sollevami. non mi sento più.. cosa rimane di questo mio corpo..
camminiamo.. vedo la mia gabbia.. la mia “casa”.

<<tlac>>

rieccomi qui. a leccarmi le mie ferite. il sapore del sangue nella mia bocca, il sapore che non ha un perchè.

Annunci
Published in: on 5 maggio 2011 at 04:55  Lascia un commento  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2011/05/05/non-ce-stato-al-mondo-che-non-proibisca-la-tortura/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: