la cicala e la formica

c’erano una volta una cicala ed una formica.

la formica lavorava e lavorava, mentre la cicala passava tutte le giornate a suonare e cantare.

la formica diceva “cosa fai tu li’? non pensi al tuo futuro? dovresti lavorare come me per mettere da parte le provviste!”

ma la cicala non le dava ascolto, anzi, continuava a suonare e cantare come se nulla fosse.

la formica era terribilmente incazzata e oppressa, perche’ avrebbe voluto anche lei suonare e cantare, e lo avrebbe fatto sicuramente se non fosse stata educata – fin da quando era piccina – a lavorare e lavorare, e mettere da parte, e risparmiare e fare carriera.
non che volesse diventare regina, ma almeno voleva un tenore di vita decente.

ma quello che la faceva irritare di piu’ era proprio che la cicala stava li’ a suonare e cantare, mentre lei doveva lottare contro se stessa per costringersi a lavorare.
non sarebbe stata cosi’ irritata se non fosse stato per questo desiderio frustrato, e per il fatto che la cicala incarnava pienamente il suo sogno abbandonato.

tutto quello che la formica aveva da fare era una SCELTA. chiara. semplice. ma decisa.
e invece si limitava a non-scegliere, cioe’ farsi guidare dagli altri.
era cosi’ facile assecondare le decisioni prese dagli altri: consigli, abitudini, routine, buon senso, gli amici, i parenti… era tutto cosi’ semplice e riposante. lasciava la coscienza in pace.
.. e intanto la cicala continuava a suonare e cantare.

poi venne l’inverno, e la cicala si trovo’ senza cibo. ando’ a bussare alla porta della formica.
questa disse “te l’avevo detto io! io non ti daro’ niente! ben ti sta!”
e lo disse quasi con un tocco di soddisfazione!
gia’, soddisfazione nel negare del cibo a chi ne aveva bisogno. pero’ aveva fatto quello che era giusto!

cari amici, non sappiamo che fine abbia fatto la cicala, ma se ogni estate le cicale sono li’ a fare musica, significa che in qualche modo quella cicala ce l’ha fatta.

e la formica?

fece una vita normale: mise su un formicaio normale, con un formico di buona famiglia e tanti formichini.
ora sta pagando la macchina a rate, l’affitto. nella vita lavora, e aspetta la pensione, fino a quando crepera’ e lascera’ al mondo i formichini, che dovranno lavorare e lavorare e lavorare..

Gli altri post della stessa serie sulla Cicala e la Formica:

https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2008/10/18/la-cicala-e-la-formica/
https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2008/10/19/la-cicala-e-la-formica-20/
https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2008/10/22/la-cicala-e-la-formica-30/
https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2008/10/28/la-cicala-o-la-formica-40/

Annunci
Published in: on 18 ottobre 2008 at 00:51  Comments (6)  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2008/10/18/la-cicala-e-la-formica/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Alla cicala non e’ dovuto cio’ che la formica ha accumulato nel tempo con tanta fatica e sudore.

    Certo, puo’ esserci un fondo di verita’ nella tua storia, ma ti ripeto che se nessuno lavorasse non ci sarebbero persone o cicale che dir si voglia in grado di potersi permettere di cantare soltanto.

  2. Quello che la storia non racconta è che la formica, col sudore della sua fronte, ha regalato ai formichini un dono prezioso: la cultura. Le cicale continuano a cantare, ma non sanno fare altro e non capiscono altro. La cicala canta perché non sa fare altro, la formica lavora perché può scegliere e lo fa. Che la scelta sia giusta o sbagliata, facendosi il mazzo si è guadagnata la possibilità di decidere e di far decidere anche il formico e i formichini. Oggi i formichini possono decidere, grazie alla formica, se lavorare, cantare o fare entrambe le cose col giusto equilibrio. Le cicaline cantano. E canteranno per sempre.

  3. Forse, se la cicala invece di cantare sempre lavorasse un pochino prendendosi un po’ del lavoro della formica e la formica, fissata della sua carriera, concedesse un po’ di lavoro alla cicala, si distribuirebbero il lavoro e i compiti e, forse, si riunirebbero per cantare insieme e godersi un po’ di più la vita.
    Fine della favola

  4. ma la cicala non può canticchiare mentre lavora??

  5. che bruutto la prossima volta dovete avere più fantasia

  6. […] La favola della cicala e della formica – immagine dal sito https://piccoloverdeelfo.wordpress.com/2008/10/18/la-cicala-e-la-formica/ […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: